L’acqua è probabilmente l’elemento naturale più prezioso che esiste ed infatti viene chiamata oro bianco. Bere acqua è fondamentale per sopravvivere, ma questo elemento è utilizzato in altre operazioni importanti come cucinare, lavarsi o per effettuare le pulizie domestiche.

L’acqua erogata dal rubinetto è più salutare rispetto all’acqua in bottiglia essendo più controllata ed è microbiologicamente sicura poiché viene trattata col cloro, una sostanza che in piccole quantità non rappresenta un pericolo per la salute. L’acqua del rubinetto contiene sicuramente più calcare ma questo problema si può eliminare con la filtrazione. L’osmosi inversa è la tecnica di filtraggio più sicura ed utilizzata poiché trattiene il 99% delle sostanze inquinanti presenti nell’acqua.

I vantaggi di un depuratore d’acqua sulla salute umana

Un depuratore elimina tutte le sostanze nocive presenti nell’acqua come arsenico, nitrati, pesticidi, ammoniaca, fosfati, metalli pesanti ecc. Come detto il sistema maggiormente consigliato è l’osmosi inversa poiché non solo elimina tutte le sostanze indesiderate, tra cui virus e batteri, ma consente anche di tarare la composizione ed il grado di salinità dell’acqua erogata. Questi vantaggi, uniti alla possibilità di erogare l’acqua a temperatura ambiente, fredda o gassata ha attirato l’attenzione non solo dei privati ma anche delle attività di ristorazione che fanno largo uso di questi dispositivi.

L’acqua filtrata col depuratore ha un effetto “detox” sull’organismo umano, depurando il corpo dalle scorie e dalle tossine negative e garantendo un miglior benessere psico-fisico. La funzionalità di tutti gli organi viene ottimizzata ed in particolare il metabolismo risulta molto più reattivo, contribuendo a smaltire i chili in eccesso e a donare una maggiore vitalità.

Niente più scale per portare su e giù pesanti confezioni di acqua

Alcuni infortuni domestici si verificano proprio mentre si portano su e giù pesanti confezioni di acqua. Traumi, cadute e “colpi della strega” sono dietro l’angolo durante il trasporto di bottiglie di acqua dall’auto fino alla propria abitazione. Inoltre bisogna considerare che per acquistare delle confezioni d’acqua è necessario prendere l’auto, trovare parcheggio ed attendere lunghe file alla cassa. Tutta questa situazione genera stress e costringe ad uscire in inverno con la pioggia e col freddo ed in estate quando la calura non dà tregua. Con un depuratore d’acqua si evitano strappi, traumi ed infiammazioni ed è possibile starsene comodamente a casa sia in inverno che in estate.

Un mondo più “green”

Un altro aspetto importante da non sottovalutare è l’anima “green” di un depuratore d’acqua che ha un impatto bassissimo sull’ambiente. Le bottiglie di plastica sono realizzate con un materiale detto PET che, se esposto al sole o alle fonti di calore, porta alla formazione di sostanze pericolose e di molecole tossiche o addirittura cancerogene.

La plastica inoltre contiene petrolio e quindi le operazioni di smaltimento diventano particolarmente difficili e dispendiose. Inoltre bisogna considerare il trasporto dallo stabilimento ai punti vendita e le operazioni di imbottigliamento che inquinano l’ambiente circostante. Tutti questi inconvenienti possono essere risolti facilmente con i depuratori che riducono notevolmente la produzione di bottiglie di plastica.

Pelle secca e capelli sfibrati: tutta colpa dell’acqua inquinata

L’acqua dura non solo provoca problemi di salute ed usura maggiormente pentole ed elettrodomestici, ma ha effetti negativi anche sull’estetica della persona indebolendo i capelli e seccando la pelle.

Innanzitutto con l’acqua dura il lavaggio risulta meno efficace poiché il sapone reagisce con il carbonato di calcio e genera una schiuma insolubile che risulta poco performante. I saponi, gli shampoo, i bagnoschiuma ed in generale i prodotti utilizzati per la cura e l’igiene personale risultano invece più efficaci con l’acqua dolce sia per la pelle che per i capelli. Oltre a garantire risultati migliori l’acqua dolce assicura anche un notevole risparmio economico poiché il prodotto non viene sprecato.

L’acqua dura inoltre sfibra ed indebolisce i capelli su cui si formano dei piccoli depositi calcarei che ne favoriscono la caduta. Molti parrucchieri nei loro saloni utilizzano infatti acqua addolcita per restituire elasticità e luminosità ai capelli delle clienti.

L’acqua dura agisce negativamente anche sulla pelle favorendo la formazione di piccoli residui di calcare che si depositano nei pori dell’epidermide generando secchezza e ruvidità. Con l’acqua addolcita la pelle invece ritrova la sua luminosità e risulta più liscia, evitando i fastidiosi tagli ed arrossamenti durante il taglio della barba.

Prenota Qui la tua consulenza gratuita!