Dispositivi come depuratori d’acqua, addolcitori ed erogatori d’acqua per chi gestisce un’attività di ristorazione non sono visti più come semplici optional, ma come importanti strumenti per migliorare la qualità dei servizi offerti. Nati prevalentemente per depurare l’acqua negli ambienti domestici, i depuratori si sono diffusi rapidamente anche per le attività di ristorazione in virtù del miglioramento della qualità dell’acqua e dei numerosi vantaggi offerti. Sempre più attività di ristorazione si stanno dotando di depuratori per fidelizzare i loro clienti, offrire cibi più buoni e saporiti e dare un bel taglio ai costi legati allo stoccaggio ed all’acquisto dell’acqua.

Caratteristiche di un depuratore d’acqua

Generalmente i depuratori d’acqua utilizzano un sistema detto ad osmosi inversa che tramite una membrana filtra l’acqua trattenendo tutte le impurità accumulate durante il percorso, lasciando passare dal rubinetto solo acqua completamente depurata. Sono disponibili diversi modelli, sottolavello o sopralavello, che garantiscono non solo la massima efficienza ma anche una notevole continuità stilistica grazie ai vari design. I depuratori sono in grado di erogare acqua a temperatura ambiente, fredda o gassata per soddisfare le richieste di tutti i clienti ed offrire un servizio completo.

Quali sono i vantaggi di un impianto di purificazione dell’acqua?

Il principale vantaggio di avere un impianto di purificazione dell’acqua è la possibilità di servire ai propri clienti acqua depurata e povera di cloro che, se presente in quantità eccessiva, la rende poco gradevole da bere. Bisogna naturalmente considerare che l’acqua viene utilizzata per preparare caffè, pizze, pasta, cornetti ecc. quindi anche il gusto degli alimenti migliora notevolmente.

Tra gli altri vantaggi bisogna considerare quelli economici e logistici. Avere un depuratore d’acqua significa tagliare tutti i costi relativi al trasporto dell’acqua, agli intermediari, alle bottiglie, agli imballaggi ecc. Inoltre è possibile liberare e guadagnare spazio nei magazzini dove generalmente vengono stipate le bottiglie di acqua riducendo l’ingombro ed evitando la fatica di portare avanti e indietro pesanti confezioni.

A trarne beneficio sono anche gli elettrodomestici che possono avere una vita più lunga e duratura. Con un depuratore d’acqua non è necessario spendere soldi in detersivi, pulizie e costose riparazioni poiché viene eliminato il calcare, nemico numero uno degli elettrodomestici. Il calcare provoca infatti delle incrostazioni che usurano le tubazioni e tutte le componenti degli elettrodomestici che invece con un depuratore risultano più efficienti e garantiscono una maggiore durata nel tempo.

Un altro vantaggio da considerare è quello ecologico relativo alla riduzione della produzione di bottiglie di plastica. Come è noto la plastica è un materiale inquinante, tant’è che la maggior parte dei governi di tutto il mondo sta attuando politiche finalizzate a ridurne la produzione. Un depuratore d’acqua quindi limita considerevolmente la richiesta di bottiglie di plastica che a sua volta riduce l’emissione di CO2 poiché ci sono meno camion che girano lungo le strade per la distribuzione di bottiglie di plastica.

Infine avere un depuratore d’acqua a norma di legge mette al riparo da eventuali multe in caso di controlli a sorpresa. Bisogna naturalmente dotarsi di un dispositivo che rispetti le norme del Decreto Ministeriale 25/2012 che regola i dispositivi di purificazione dell’acqua.

Per quali attività sono consigliati i depuratori d’acqua?

I depuratori d’acqua sono consigliati per tutte le attività dove c’è un largo consumo di acqua (uffici, negozi, palestre, scuole, aziende, società ecc.) ed in modo particolare per quelle di ristorazione. Hotel, alberghi, B&B, panetterie, bar, ristoranti, pizzerie, cornetterie ecc. sono tra le attività che maggiormente fanno uso dei depuratori d’acqua per offrire prodotti più saporiti e per tagliare notevolmente le spese di gestione. Per capire quanto può risparmiare un’attività di ristorazione è sufficiente sapere che mediamente con 2 euro di acqua potabile è possibile produrre fino a 1.000 bottiglie di acqua microfiltrata senza il problema dell’ingombro, del peso, del trasporto e dello smaltimento dei vuoti.

L’importanza della manutenzione

L’unico accorgimento a cui devono prestare attenzione i gestori riguarda la manutenzione dei depuratori d’acqua che sono soggetti ad una naturale usura. In modo particolare bisogna sostituire a cadenza periodica i filtri che, dopo un certo periodo di tempo o dopo un determinato quantitativo di acqua filtrata, devono essere sostituiti altrimenti non riescono a trattenere più i detriti e le sostanze inquinanti. I clienti possono acquistare o noleggiare i dispositivi associando eventualmente i servizi di manutenzione ordinaria e straordinaria.

Prenota Qui la tua consulenza gratuita!